SIBILLA
NIGRA SUM SED FORMOSA QUEM QUERITIS HILDEGARD SAN
ZANOBI
LANDINI DANTE

EL CANT DE LA SIBILLA
UNA SACRA RAPPRESENTAZIONE MEDIEVALE CATALANA

El Llibre Vermell de Montserrat (sec. XIV)
Lectionarium (sec. XIV) - Barcelona Catedral, 110 f. 27
Matutinum in Nativitate Domini

ENSEMBLE SAN FELICE

direzione Federico Bardazzi


strumenti
Federico Bardazzi viella
Michele Bertucci flauto, tammureddu, symphonia
Dimitri Betti organo portativo
Xiao Ran Bu erhu
Marco Di Manno flauti
Dario Landi liuto
Francesco Mariano flauti
Veronica Nosei cialamelli, flauti
Donato Sansone flauti, percussioni, symphonia, gaita
Tommaso Scopsi percussioni
Wan Yi Wu percussioni, viella


voci
Dimitri Betti, Shuyun Huang, Xhianzhuo Mi, Mengyao Sun,
Xiao Jing Xu, Wan Yi Wu, Zhiqiang Zhang
Pueri Cantores della Cattedrale di Sarzana
voci bianche
Elsa Canepa, Maria Chiara Di Benedetto, Eleonora Cantale,
Maria Sofia Cantale, Asia Del Prato, Gaia Forcelli, Emma Giannini,
Eloisa Iori, Michelle La Galante,
Mickaela La Galante, Martino Mei Moretti, Elsa Poletto,
Corinne Fanny Rosignoli, Michele Virgilio, Rachele Zamperini
tenori
Pietro Bernardini, Simone Emili
bassi
Gaetano Canepa, Zeno Canepa, Emmanuele Casula,
Emanuele Menconi

PROGRAMMA
Polorum Regina
Eloisa Iori
Los set Goyts
Maria Matrem Virginem
Stella Splendens
Emma Giannini, Mengyao Sun
Imperayritz de la ciudad joiosa
Maria Chiara Di Benedetto, Xiao Jing Xu
El comte Arnau Llegend de la Catalunya
Rachele Zamperini, Gaetano Canepa
Ad Mortem Festinamus
Laudemus Virginem
Splendens Ceptigera
Ant. Christus natus est nobis cum Ps. 94 Invitatorium (4 g)
Simone Emili
Benedictio, Lectio, Responsorium Verbum caro factum est (8)
Simone Emili


EL CANT DE LA SIBILLA
Chiara Galioto
O Virgo splendens
Cuncti simus concanentes
Eloisa Iori, Rachele Zamperini, Simone Emili

 

note di sala a cura di Federico Bardazzi
Alcuni riferiscono di una profezia della sibilla Eritrea. Questa sibilla Eritrea ha scritto vaticini espliciti intorno a Cristo; anche noi li abbiamo letti, inizialmente in versi latini brutti e sbilenchi, dovuti all'inettitudine di non so quale traduttore, come più tardi abbiamo saputo. In un certo passo l'ordine delle lettere era tale che le iniziali di ogni verso permettevano di leggere l'espressione: "Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore".
I versi sono in tutto ventisette, un numero che costituisce il cubo di tre; tre volte tre dà nove e tre volte nove, come elevando il lato di una figura, dà ventisette. Congiungendo poi le iniziali di queste cinque parole greche, che sono: "Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore", si avrà: "pesce, un nome che esprime in senso spirituale Cristo, in quanto soltanto Lui può mantenersi vivo, cioè senza peccato, al fondo di questa condizione mortale, come nella profondità delle acque.
Questa sibilla Eritrea o, come alcuni preferiscono, Cumana, in tutto il suo poema, di cui questo è un breve stralcio, non presenta nulla che richiami il culto degli èi falsi e inventati; anzi parla contro di essi e contro i loro seguaci, al punto che sembra compresa nel numero dei cittadini della città di Dio.
Queste sono le testimonianze della sibilla, noi senza nessuna interpolazione, collegandole tra loro l'una di seguito all'altra, ci siamo preoccupati di ricordarne i capoversi, eventualmente gli scrittori vogliano conservarli per il futuro. Alcuni comunque hanno scritto che la sibilla Eritrea non esistette al tempo di Romolo, bensì a quello della guerra di Troia.
S. Agostino: "De Civitate Dei" cap. XXIII, 23: Le profezie delle Sibille
Nel medioevo cantare è una parte integrante del rito, fra preghiere intimistiche, ritmi di danza e arie di corte, originari delle stesse regioni attraversate dalle grandi vie dei pellegrinaggi: dall'Italia alla Catalogna attraverso la Provenza, dalla Turingia alla cattedrale parigina di Nostre Dame di Parigi attraverso la Normandia, e dall'Italia meridionale alla corte di
Castiglia, dove si venera San Domenico di Guzman, protettore dei pellegrini.
Queste tradizioni si mescoleranno nei pellegrinaggi fino a divenire un unico linguaggio.
Tra le mete di pellegrinaggio, il Monastero di Montserrat, arroccato sugli aguzzi profili delle montagne catalane di Barcellona, è il più leggendario.
La sua strenua resistenza alle orde visigote gli ha meritato fin dal medioevo la fama di baluardo della cristianità.
Questo programma tenta di rappresentare un ideale incontro fra pellegrini provenienti da diverse parti che si incontrano per via e per andare, appunto a Montserrat a partecipare alla veglia della notte di Natale. In questo ideale percorso, dal punto di vista musicale siamo partiti dal Llibre Vermell, che fu redatto proprio per assicurare un repertorio adeguato ai fedeli che salivano a Montserrat. Infatti i pellegrini erano soliti alternare a canti devozionali cacce e balli profani, spesso accompagnati da menestrelli e cantastorie.

 

scarica la locandina

scarica il programma

top


NIGRA SUM SED FORMOSA
IL CULTO DI MARIA TRA MONASTERO E CORTE

Secundis Vesperis in Festis B.M. Virginis per annum
dall’Ufficio Monastico Gregoriano

Cantigas de Santa Maria del Rey de Castilla y Leon Alfonso X “el sabio” (sec. XIII)

ENSEMBLE SAN FELICE
direzione Federico Bardazzi

VOCI
Federico Bardazzi, Roberto Bolelli (5, 15), Bruna Caruso, Raffaella Ceccarelli (1, 14, 16, 18, 20), Marco Di Manno, Lucia Focardi (19), Gloria Moretti (7, 11), Letizia Putignano (13), Elena Sartori, Eleonora Tassinari (3), Fabio Tricomi, Stefania Vitale, Barbara Zanichelli (9)

STRUMENTI
Adele Bardazzi arpa gotica (2, 5, 13, 17, 19)
Federico Bardazzi vielle (2, 5, 15, 17, 19)
Marco Di Manno flauti (2, 5, 9, 10, 15, 17, 19)
Giangiacomo Pinardi gittern (2), setar (17), daf (7, 11)
Elena Sartori organo portativo (3, 5, 15, 19)
Linda Severi bombarda, cialamello (2, 5, 9, 10, 15, 17, 19)
Eleonora Tassinari symphonia (2, 5, 10, 19)
Fabio Tricomi arpa gotica (13), flauto da tamburo (2, 9, 10, 11), gittern (15), tamburello (5), ud (7), viella (17), zarb (15, 17, 19)

CORO I: Bruna Caruso, Elena Sartori, Eleonora Tassinari,
Stefania Vitale, Barbara Zanichelli
CORO II: Raffaella Ceccarelli, Lucia Focardi, Gloria Moretti, Letizia Putignano


Programma

1 - IN PRINCIPIO HORARUM Deus, in adjutorium meum intende Tonus solemnis
Raffaella Ceccarelli. Coro [59”]
2 - CANTIGA 270 (BNCF 56) Todos con alegria cantand Esta é de loor de Santa Maria.
Arpa gotica, cialamello, flauto da tamburo, flauto soprano, gittern, symphonia, viella [1’49”]
3 - CANTIGA 301 (BNCF 82) Macar faz Santa Maria miragres duna natura
Como Santa Maria livrou unu escudeiro que tinjan preso en Carron.
Eleonora Tassinari. Organo portativo. Coro I, Coro II [4’35”]

4 - I ANTIPHONA Dum esset rex in accubitu suo, Psalmus 109 Dixit Dominus III a
Coro I, Coro II [1’40”]
5 - CANTIGA 252 (BNCF 63) Tan gran poder
Esta é de como Santa Maria guardou unus omes que non moressen deiuso dun gran monte de arena que lles caeu desuso.
Roberto Bolelli. Arpa gotica, bombarda, flauto sopranino, gittern, organo portativo, symphonia, tamburello, viella. Coro [2’57”]

6 - II ANTIPHONA Læva ejus sub capite meo, Psalmus 112 Laudate pueri II* - IV a
Coro I, Coro II [1’36”]
7 - CANTIGA 241 (BNCF 52) Parade mentes ora
Esta é como un menyo que era esposado con huna menynna caeu de cima duna muit’ alta pena en fondo, e quebrou per todo o corpo e morreu. E sa madre começò-o de pedir a Santa Maria, e deu-llo viv’ e sano, e ontr’ o moço e sa esposa meteron-ss en orden.
Gloria Moretti. Ud, daf. Coro [13’21”]

8 - III ANTIPHONA Nigra sum sed formosa, Psalmus 121 Laetatus sum III b
Coro I, Coro II [1’42”]
9 - CANTIGA 272 (BNCF 60) Maravillosos miragres
Como Santa Maria fez en San Johan de Leteran en Roma que se mudasse huna sa omagen da una parede da ygreja na outra.
Barbara Zanichelli. Cialamello, daf, flauto soprano, flauto da tamburo
[2’45”]
10 - MUÑEIRA DE LA GALIÇIA
Cialamello, daf, flauto soprano, flauto da tamburo, symphonia [1’38”]
11 - CANTO DE BEIRA BAIXA São João
Gloria Moretti. Daf, flauto da tamburo [4’09”]

12 - IV ANTIPHONA Speciosa facta es, Psalmus 126 Nisi Dominus II * a
Coro I, Coro II [1’39”]
13 - CANTIGA 326 (BNCF 27 bis) A Santa Maria muito ll’ è greu
Como Santa Maria de Tudia prendeu os ladrones que lle furtaron as colmenas.
Letizia Putignano. Due arpe gotiche [6’11”]

14 - CAPITULUM Ab initio et ante saecula
RESPONSORIUM BREVE Ave Maria gratia plena Tonus Solemnis VI
Raffaella Ceccarelli. Coro [2’06”]
15 - CANTIGA 273 (BNCF 39) A Madre de Deus que este do mundo lum’ e espello
Esta é como Santa Maria deu fios a unu ome bono pera coser a savana do seu altar.
Roberto Bolelli. Bombarda, flauto contralto, gittern, organo portativo, viella, zarb. Coro [6’57”]
16 - HYMNUS Ave Maris Stella Tonus in Solemnitatibus I
Raffaella Ceccarelli. Coro [2’25”]
17 - CANTIGA 247 (BNCF 62 bis) Assi como Jhesocristo fez veer o cego nado
Como huna menyna naceu cega, e a cabo de X anos levaron-a Santa Maria de Salas, e deu-lle logo seu lume Santa Maria.
Arpa gotica, cialamello, flauto contralto, setar, due vielle, zarb [3’34”]

18 - VERSICULUM Dignare me, laudare te Tonus Solemnis
Raffaella Ceccarelli. Coro
ANTIPHONA AD MAGNIFICAT Beatam me dicent, MAGNIFICAT VIII G 2 Mediatio solemnis
Raffaella Ceccarelli. Coro I, Coro II [2’12”]
19 - CANTIGA 310 (BNCF 30) Mutto per dev’ a Reynna dos ceos seer loada
De loor de Santa Maria.
Lucia Focardi. Arpa gotica, cialamello, flauto soprano, organo portativo, symphonia, viella, zarb. Coro [3’24”]
20 - IN FINE HORARUM: Supplicatio litaniae "Kyrie eleison", Oratio dominica "Pater noster", Oratio "Concede nos famulos tuos" Tonus solemnis, Benedicamus Domino In Festis B.M.V.
Raffaella Ceccarelli. Coro [2’43”]

scarica i testi


top


QUEM QUERITIS?
UN DRAMMA LITURGICO NELLA FIRENZE MEDIEVALE

Matutinum in Dominica Resurrectionis

Visitatio Sepulchri

Laudi e Cantari medievali fiorentini

Antifonario Arcivescovile di Firenze (XII sec.)
Laudario fiorentino - Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze BR 18 (XIII sec.)
Nicolò di Mino Cicerchia “Cantari della Passione e Resurrezione” (XIV sec.)

ENSEMBLE SAN FELICE
direzione Federico Bardazzi

regia Eva Mabellini

ENSEMBLE SAN FELICE
Federico Bardazzi

Roberto Bolelli Cantastorie
Eva Mabellini Maria Maddalena
Letizia Putignano Angelo
Giulia Lemma Seconda Maria
Cristina Ramazzini Terza Maria

SCHOLA
Cristina Bagnoli, Claudia Pozzesi

STRUMENTI
Adele Bardazzi arpa gotica
Federico Bardazzi viella
Marco Di Manno flauto
Martino Noferi cialamello, flauto
Elena Sartori organo portativo
Fabio Tricomi arpa gotica, flauto da tamburo, liuto , salterio , tamburello , viella


Programma

AD MATUTINUM

•1 ANTIPHONA Alleluja, alleluja, alleluja PSALMUS 94 INVITATORIUM Venite,
exultemus Domino VI (3’08’’)

•2 ANTIPHONA Ego sum qui sum PSALMUS 1 Beatus vir II D (2’54’’)

• 3 ANTIPHONA Postulavi Patrem meum, PSALMUS 2 Quare fremuerunt Gentes I g (3’20’’)

• 4 ANTIPHONA Ego dormivi, PSALMUS 3 Domine, quid multiplicati sunt 8 c VERSICULUM Resurrexit Dominus de sepulchro (3’02’’)

• 5 RESPONSORIUM Cum transisset sabbatum IV (3’47’’)

• 6 RESPONSORIUM Angelus Domini descendit de caelo III (5’47’’)

• 7 BENEDICTIO (1’45’’)

• 8 LAUDA Giso Cristo grorioso (2’35’’)
cialamello, flauto, flauto da tamburo, symphonia

• 9 CANTARE Essendo ‘l buon Iesù in un castello (2’58’’)
liuto

• 10 LAUDA Peccatrice nominata Magdalena (3’12’’)
3 arpe gotiche, cialamello, flauto, flauto da tamburo, organo, symphonia, viella

• 11 LAUDA Laudate la surrectione (2’31’’)
3 arpe gotiche

• 12 CANTARE Quel giorno che giv’a la pasqua prima (1’13’’)
Roberto Bolelli, Lucia Focardi, Eva Mabellini

• 13 Dulcis Jesu memoria (0’31’’)
2 cialamelli, tamburello

VISITATIO SEPULCHRI

• 14 RESPONSORIUM Angelus Domini locutus est mulieribus V (2’30’’)

• 15 RESPONSORIUM Angelus Domini locutus est mulieribus I (4’28’’)

• 16 Amor vincit omnia (1’04’’)
3 flauti

• 17 LAUDA Exultando in Jesu Cristo (2’47’’)
arpa gotica, flauto, flauto da tamburo, viella

• 18 CANTARE Vedien le donne dell’angel l’aspetto (4’01’’)
2 flauti, symphonia, tamburello, viella

• 19 LAUDA Lamentomi et sospiro (3’40’’)
Cecilia Cazzato, salterio

• 20 CANTARE Verso l’amato li occhi suo l’amante (5’19’’)
2 vielle

• 21 LAUDA Co la madre del Beato (4’16’’)
arpa gotica, viella

• 22 LAUDA Dall’alta luce fu dato sovente (1’50’’)
organo

• 23 SEQUENTIA Victimae paschali laudes (1’58’’)

• 24 Ortorum Virentium / Virga Jesse / Victimae paschali laudes (1’26’’)
3 arpe gotiche, 2 cialamelli, flauto, flauto da tamburo, organo, viella

• 25 LAUDA Alleluya, alleluya alto re di gloria (2’56’’)
3 arpe gotiche, cialamello, flauto, flauto da tamburo, organo, viella

TOTAL TIME 73’10’’

Programma, trascizioni dal Laudario fiorentino Federico Bardazzi

Trascrizioni dall’Antifonario Arcivescovile di Firenze, consulenza per il canto gregoriano, traduzione dei testi latini Bruna Caruso

Arrangiamento strumentale Fabio Tricomi

Si ringraziano per la preziosa collaborazione

il Prof. Nino Albarosa (Università di Udine), il Dott. Lorenzo Fabbri (Archivio dell’Opera di Santa Maria del Fiore - Firenze), la Dott.ssa Marica Susan Tacconi (Pennsylvania State University)

scarica i testi

top


Opera Network Firenze
La Fabbrica dell'Attore Teatro Vascello, Roma

Ildegarda
la sibilla renana

di Cristina Borgogni
con Cristina Borgogni
e con Paolo Lorimer

ENSEMBLE SAN FELICE
direttore Federico Bardazzi
regia Cristina Borgogni
Laptop Dario Arcidiacono
costumi Duli Caya – Inna Danila
lighting designer Valerio Geroldi

ENSEMBLE SAN FELICE
voci Chiara Galioto, Laura Andreini, Lucia Focardi
Alessandro Carmignani

strumenti
Federico Bardazzi viella
Marco Di Manno flauti
Dimitri Betti organo positivo
Donato Sansone flauti, Symphonia, percussioni
direttore Federico Bardazzi

Ildegarda di Bingen, profetessa, musicista, monaca, scrittrice e scienziata del XII secolo è ancora oggi un personaggio quanto mai attuale, sia per la sua visione olistica dell'uomo, pienamente connesso con Dio e con la natura, sia per i suoi consigli e le sue indicazioni di carattere medico, nutrizionistico e spirituale. La sua è una voce potente, di forza ed equilibrio, che come una scia luminosa giunge fino a noi per aiutarci ad affrontare lo smarrimento di questa nostra vita così stressante. Lo spettacolo vuole diffondere il messaggio di questa donna straordinaria e geniale attraverso un lavoro sulla sua musica, sulle parole da lei create in una lingua sconosciuta, attraverso un viaggio nella sua vita. Lo spettacolo, in un crescendo di emozioni, ci farà entrare in un mondo di forza e di vitalità spirituale. "Viridità", una parola che Ildegarda di Bingen amava molto, e che indica la forza luminosa che c'è in ogni essere vivente e che porta, se bene usata, alla felicità.

Note di regia
Ildegarda de Bingen badessa benedettina del 1100, cosmologa, musicista raffinata, botanica, scienziata, veggente, donna straordinaria, che con equilibrio e forza, riusciva a dialogare sia con papi e imperatori che con gente comune, è entrata nel mio cuore e nella mia mente, anni fa. Ho iniziato una meravigliosa avventura per conoscerla, attraverso le biografie e i tanti libri da lei scritti e sono rimasta affascinata dal suo modo di essere donna, dalla sua forza e la sua fragilità, così meravigliosamente fuse insieme. Ho pensato di scrivere un testo che la facesse conoscere, oltre che come personaggio pubblico, nelle sue delicatezze e paure di donna; penso che la sua anima ci possa parlare e, forse, guidare, oggi, in questo mondo cosi privo di equilibrio. Il nostro spettacolo ricerca la sua carezza, che ci può arrivare, forse, come una piuma portata dal vento.
Cristina Borgogni

 

top



Francesco Landini
Maestro di Cappella a San Lorenzo

(Fiesole ca. 1325 - Firenze 1397)


CANTASI COME
laudi e contrafacta nella Firenze del Trecento


con intermezzi strumentali fiorentini (London, British Library, Additional 29987)


ENSEMBLE SAN FELICE
direzione Federico Bardazzi


Laura Andreini soprano
Floriano D'Auria alto
Federico Bardazzi viella, campanelli
Marco Di Manno, Cecilia Fernandez flauti
Elena Sartori organo portativo
Fabio Tricomi flauto e tamburo, tamburello, viella, zarb


Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, Codice Mediceo Palatino 87 "Squarcialupi"
Biblioteca Riccardiana di Firenze, Ms 2871
Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze Ms. Magliabechiano Strozzi XXXVIII.130


trascrizioni dei testi a cura di Alessandra Stefanin
trascrizioni musicali a cura di Federico Bardazzi


registrazione Villa Calloria 21, 22 ottobre 2014
registrazione, editing, mastering Nicola Cavina


produzione artistica Federico Bardazzi
in collaboration with Cantus Posterior
a project supported by European Union

 

Scarica il booklet

Scarica la presentazione del CD e la Playlist

top



LA MUSICA DELLA COMMEDIA
progetto a cura di Suor Julia Bolton Holloway, Federico Bardazzi, Marco Di Manno


consulenza artistica Carla Zanin


ENSEMBLE SAN FELICE
direzione Federico Bardazzi


Pueri Cantores della Cattedrale di Santa Maria in Sarzana
maestro del coro Alessandra Montali


videomaker Federica Toci


registrazione
Saverio Lanza Antico Spedale del Bigallo dicembre 2012
Nicola Cavina Villa Calloria, giugno 2015, Saloncino del Teatro della Pergola settembre 2015


editing, mastering Nicola Cavina
produzione artistica Federico Bardazzi, Nicola Cavina

scarica il file

top



SAN ZANOBI

CONTENUTI GENERALI

1. Il significato di una riproposta musicale della Messa Lo spunto per questo studio di ricostruzione di una Messa trecentesca è da rintracciarsi nella convinzione profonda che questo repertorio nasca in simbiosi con la liturgia, materia per eccellenza viva e in movimento che, dopo un percorso millenario originato e avviato dalla sinagoga ebraica, ancora oggi prosegue, infinitamente arricchita, il suo cammino. Ne deriva una trasversalità di gesti, di testi e di suoni che nel rito della Messa si ritrovano a coesistere. Solo la completezza di questo percorso, vissuto integralmente, senza tagli e senza pause, a mio avviso può valorizzare anche il repertorio musicale liturgico, tanto da permetterci di penetrare profondamente nel suo significato e godere della sua particolare forza espressiva sempre tesa a sollecitare, per sua intrinseca natura, le riverberazioni più esistenziali e recondite dell'animo umano. Nel momento in cui si affronta una ricostruzione musicale di brani di un passato tanto remoto sorgono continue insidie: le certezze non sono molte, l'approfondimento dei vari problemi spesso non fa che aumentare la difficoltà di risposta. Per chi scrive, infatti, è possibile offrire e condividere una serie di possibilità e discuterle; a chi esegue resta solo il valore della realizzazione estemporanea, legata a quel determinato luogo e a quello specifico momento. Ciò richiede costantemente scelte spesso difficili riguardo a collocazione, struttura, arrangiamento, interpretazione dei brani: argomenti, questi, che in fase di studio non possono essere partecipati agli ascoltatori. Si tratta di una esplorazione incessante di possibilità: tentativi, compromessi, ipotesi che solo nel momento della realizzazione rivelano la loro, eventuale, efficacia. In una riproposta di esecuzione, inoltre, la via di un'«archeologia musicale» è ben poco praticabile. La realtà è comunque quella del presente, determinata anche da aspetti solo apparentemente banali: l'illuminazione, la temperatura, il diverso ambiente acustico in cui viviamo e gli eventuali rumori esterni, gli atteggiamenti consolidati da parte del pubblico, la diversa capacità uditiva dell'uomo contemporaneo ridotta rispetto al passato… basterebbe questo a sbarrare la strada a una filologia "assolutista", perché mai potremmo avere la possibilità - e la presunzione - di ricostruire l'atmosfera e, soprattutto, la sensibilità nel percepire una composizione propria di una determinata epoca. L'esperienza diretta, ovviamente impossibile in questo caso, resta comunque il "sogno" e rappresenterebbe l'unica risposta a tutti i quesiti. Una strada percorribile è quella di contestualizzare il più possibile tutti gli aspetti che interessano una esecuzione e riportarli alla loro verità intrinseca con la consapevolezza che, comunque, in questa operazione rimarrà sempre un inevitabile filtro. Deve trattarsi non di un inutile tentativo di entrare in una sorta di macchina del tempo per riassistere a qualcosa che è ormai concluso, ma dello sforzo di "restituire" in maniera filologica i capolavori del passato, con l'obiettivo di riviverli attraverso la personalità e la sensibilità attuali presentandoli, con tutti gli ineludibili limiti, alla luce del tempo presente.

Continua a leggere, scarica il file

top

Medioevo

Rinascimento

Barocco

Bach

Mozart Requiem

Arvo Pärt e 900

Associazione Culturale Firenze info@ensemblesanfelice.com