Dietrich Buxtehude
(Oldesloe Holstein 1637 - Lubeck 1707)

Membra Jesu Nostri

I AD PEDES
II AD GENUA
III AD MANUS
IV AD LATUS

V AD PECTUS - VI AD COR - VII AD FACIEM

ENSEMBLE SAN FELICE

direzione Federico Bardazzi

concertisti
soprano I Barbara Zanichelli
soprano II Alessandra Gardini
alto Giovanni Duci
tenore Michael Paumgarten
basso Garrick Comeaux

ripienisti
soprani I Cecilia Cazzato, Lucia Focardi
soprani II Amalia Scardellato , Giulia Peri
alti Francesco Ghelaridni, Eva Mabellini
tenori Salvatore Gaias, Francesco Tribioli

strumenti
violini Fabrizio Cipriani, Maria Paola Cavallini
viola da gamba Federico Bardazzi
violoncello Jean-Marie Quint
contrabbasso Francesco Tomei
tiorba Michele Pasotti
clavicembalo Daniele Boccaccio
rgano Laura Drosera

scarica i testi

top


Giacomo Carissimi
(Marino 1605 - Roma 1674)

ORATORI SACRI

Vanitas Vanitatum
Historia di Job
Iudicium Salomonis

con intermezzi strumentali di Girolamo Frescobaldi, Dario Castello, Marco Uccellini

ENSEMBLE SAN FELICE
direzione Federico Bardazzi

Vanitas Vanitatum

CANTUS I Maria Chiara Pavone
CANTUS II Barbara Zanichelli

Historia di Job

ANGELUS Maria Chiara Pavone
JOB Giovanni Duci

Iudicium Salomonis

MULIER I Barbara Zanichelli
MULIER II Maria Chiara Pavone
HISTORICUS Francesco Ghelardini

scarica i testi

 

------------------------------------------------

 

IN CANTO ARMONICO
aprile – ottobre 2017


direzione artistica Alessandra Montali, Federico Bardazzi


Teatro Verdi di Pisa, Sala Titta Ruffo venerdì 28 aprile, ore 20,45
Cattedrale di Sarzana sabato 29 aprile 2017, ore 20,45
Southwell, England sabato 3 giugno 2017
Hermitage, San Pietroburgo, Russia date da definire


Registrazione Pieve di Sant'Andrea in Sarzana 30 aprile, 1 maggio 2017


Giacomo Carissimi

(Marino 1605 - Roma 1674)


ORATORI SACRI
Sponsa Canticorum
Iudicium Extremum
Iefte


con intermezzi strumentali di Dario Castello, Girolamo Frescobaldi, Marco Uccellini
PUERI CANTORES DELLA BASILICA CATTEDRALE DI SARZANA
Maestro del Coro Alessandra Montali
Southwell Minster Girls' Choir & Lay Clerks


Maestro del Coro Simon Hogan
Regia Carla Zanin
Videomaker Zhang Meng


ENSEMBLE SAN FELICE
Direttore Federico Bardazzi

 

solisti
soprani Laura Andreini, Felicita Brusoni, Eleonora Didato, Chiara Galioto
alti, tenori, bassi dei Southwell Lay Clerks
strumenti
Marco Di Manno, Michele Bertucci flauti
3 tromboni naturali da definire
Federico Bardazzi violoncello
Donato Sansone contrabbasso
Dimitri Betti clavicembalo
Andrea Benucci, Dario Landi chitarra barocca, tiorba
Emanuele Menconi organo positivo
Tommaso Scopsi percussioni
Pueri Cantores della Cattedrale di Sarzana


voci bianche
Elsa Canepa, Maria Chiara Di Benedetto, Eleonora Cantale, Maria Sofia
Cantale, , Asia Del Prato, Gaia Forcelli, Emma Giannini, Eloisa Iori, Michelle
La Galante, Mickaela La Galante, Martino Mei Moretti, Elsa Poletto, Corinne
Fanny Rosignoli, Michele Virgilio, Rachele Zamperini


tenori Pietro Bernardini, Simone Emili
bassi Gaetano Canepa, Zeno Canepa, Emmanuele Casula, Emanuele Menconi

 


scarica il file


top

 


VESPRO DI SANTA CECILIA
FRANCESCO MARIA STIAVA

(Lucca 1640 - 1702)

SALMI CONCERTATI A 5 VOCI OP. 1
con violini obbligati e ripieni a beneplacito
(Bologna Pier Maria Monti 1694)

con   proprio dell'Ufficio in Canto Gregoriano
(AM 1140)
e intermezzi strumentali

soprano I Barbara Zanichelli
soprano II Alessandra Gradini
alto Giovanni Duci
tenore Michael Paumgarten

ENSEMBLE SAN FELICE
direzione Federico Bardazzi

Programma

INTROITUS
GIOVANNI PIETRO FRANCHI (Pistoia metà sec. XVII, Loreto 1731)
SONATA I A DUE VIOLINI E BASSO
IN PRINCIPIO HORARUM Deus, in adjutorium meum intende Tonus
solemnis (AM 1207)


I ANTIPHONA Cantantibus organis Caecilia Domino (I f) (AM 1140)
GIOVAN PIETRO FLACCOMIO Cantantibus organis Cecilia
Domino
FRANCESCO MARIA STIAVA, PSALMUS 109   Dixit Dominus
I ANTIPHONA, ANTONIO FERRARO Cantantibus organis Cecilia
Domino


II ANTIPHONA Valerianus in cubiculo Caecilia (VII a) (AM 1140)
PSALMUS 112 Laudate pueri (LU 151/152)
II ANTIPHONA Valerianus in cubiculo Caecilia (VII a) (AM 1140)
III ANTIPHONA Caecilia, fàmula tua, Domine (III a 2) (AM 1140/1141)
FRANCESCO MARIA STIAVA, PSALMUS 121   Laetatus sum
III ANTIPHONA Caecilia, fàmula tua, Domine (III a 2) (AM 1140/1141)
IV ANTIPHONA Benedico te,   Pater Domini mei (VIII G) (AM 1141)
PSALMUS 126 Nisi Dominus (LU 177)
GIOVANNI PIETRO FRANCHI Surge porpera a due soprani (AM 1141)
CAPITULUM Fratres: Qui gloriatur, in Domino glorietur. (AM 1143 - 1233)
RESPONSORIUM BREVE Adjuvabit eam Deus vultu suo. Tonus VI (AM 676)

HYMNUS VINCENZO D'ELIA Jesu corona Virginum III (AM 677)
VERSICULUM V. Diffusa est gratia in labiis tuis. R.   Propterea benedixi te Deus in aeternum. Tonus Solemnis (AM 1143 - 1232/2)

ANTIPHONA AD MAGNIFICAT Virgo gloriosa (II D)
FRANCESCO MARIA STIAVA MAGNIFICAT
ANTIPHONA AD MAGNIFICAT Virgo gloriosa (II D)

IN FINE HORARUM Oratio: Deus, qui nos annua beatae Cecilia
Virginis e t Martyris. Tonus solemnis (AM 1142 - 1240) Benedicamus Domino. In Duplicibus Majoribus (AM 1246)

scarica i testi

top

 


CLAUDIO MONTEVERDI VESPR0 1610

 

Monteverdi vespers v2

Monteverdi vespers v3

Monteverdi vespers v4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

top

 


Opera Network Firenze
in collaborazione con
Pueri Cantores della Cattedrale di Sarzana
in canto armonico
2017- 2018 - 2019


direzione artistica Alessandra Montali, Federico Bardazzi


Cattedrale di Santa Maria in Sarzana


Officium Tenebrae
un progetto di Federico Bardazzi


Ensemble Etruria
direttore Dimitri Betti
ENSEMBLE SAN FELICE
direttore Federico Bardazzi
Pueri Cantores della Cattedrale di Santa Maria in Sarzana
maestro del coro Alessandra Montali

François Couperin (Paris 1668 - 1733)
Troix Leçons de Ténèbres a une et deux voix
FERIA QUINTA IN COENA DOMINI
direttore Dimitri Betti


organico: 2 soprani, viola da gamba, tiorba, clavicembalo, organo positivo, coro
Concerto giovedì 13 aprile 2017, ore 20.45
Michel-Richard Delalande (Paris 1657 - Versailles 1726)
Troix Lecons de Tenebres a une voix
direttore Alessandra Montali
organico: soprano, viola da gamba, tiorba, clavicembalo, organo positivo, coro
Concerto venerdì 14 aprile 2017, ore 20.45
Jan Dismas Zelenka (Louñovice 1679 - Dresden 1745)
Lamentationes Jeremiae Prophetae
direttore Federico Bardazzi
organico: alto, tenore, basso, violino, 2 violoncelli, tiorba, clavicembalo, organo
positivo, coro

 

NOTE DI SALA
In un filone della tradizione cristiana i ritmi e gli elementi della natura assumono una trasparenza simbolica capace di associare i momenti salienti della storia della salvezza o dell'itinerario dell'anima a Dio con la superficie dell'esperienza sensibile, in modo da proiettarvi quella densità teologica e quell'enfasi spirituale che sono la linfa della vita religiosamente orientata.
Così, la nascita di Cristo, luce del mondo, è collocata in corrispondenza del solstizio d'inverno, quando comincia il riscatto che conduce dalla prevalenza delle tenebre invernali allo splendore estivo. Conseguentemente, la morte del Salvatore non può evitare di trovare un adatto riferimento naturale nello sprofondamento del mondo nel buio del peccato. I giorni che, a partire dal mercoledì della Settimana Santa, precedono la memoria della morte di Cristo costituiscono dunque una sorta di "triduo delle tenebre", coltivato per molti secoli durante la liturgia delle ore con l'usanza di spegnere progressivamente gruppi di candele fino al buio completo dell'ora suprema in cui Dio muore per il peccato dell'uomo.
I testi adottati sono quelli che nel canone biblico rievocano più drammaticamente il massimo allontanamento di Israele da Dio con la conseguente punizione della distruzione di Gerusalemme e della deportazione a Babilonia, le Lamentazioni del profeta Geremia. La
ricchezza poetica di questo testo ha stimolato per molti secoli l'immaginazione musicale dei più diversi compositori, tra i quali tutti i principali autori del barocco francese: Marc Antoine Charpentier, Michel Lambert, Louis Nicolas Clerembault, Guillaume Gabriel Nivers, Jean François Lallouette, Sebastien de Brossard, Jean Gilles, François Couperin e naturalmente Michel-Richard Delalande. Ma anche in Germania rivestono fondamentale importanza le Lamentationes di Zelenka, mentre in Italia tale tradizione polifonica è più feconda in epoca rinascimentale. Ciò avvenne anche perché nei secoli si creò progressivamente un notevole interesse per le lezioni delle tenebre anche presso gruppi sociali esterni alle comunità religiose dove queste di regola si svolgevano, così che molti volentieri si recavano a frequentarle come momento di edificazione personale durante la preparazione alla Pasqua.
Sappiamo che questo facevano abitualmente i nobili parigini sotto il regno di Luigi XIV, tanto che in alcuni casi questa occasione finiva per spostarsi pericolosamente dall'ambito della devozione religiosa a quello della frequentazione mondana, almeno se dobbiamo
prestare fede alle numerose denunce dei moralisti dell'epoca.
L'aspetto essenziale di questo tentativo è l'inserimento delle Leçons de Ténèbres nella cornice per la quale sono state ideate, la liturgia delle ore del I Notturno del Matutinum del Triduo Pasquale, che prevede l'esecuzione in canto gregoriano, affidata alla schola di voci femminili, di tre salmi preceduti e conclusi dalle proprie antifone, del versiculum, e dei tre responsoria prolixa a conclusione delle rispettive letture. Il filo conduttore, in questo accostamento della severità della monodia gregoriana alla ricchezza armonica e melodica della musica del barocco francese, è il costante sforzo di valorizzazione il testo sacro e tutte
le sue sfumature, anche se in forme musicali stilisticamente così differenti.
La ricostruzione ha considerato poi l'aspetto della dizione del latino, che adotta le caratteristiche della pronuncia fonetica del latino ecclesiastico in Francia e in Germania nel XVII e XVIII secolo.
Nel ricostruire la liturgia delle ore in tutte le sue componenti, e nell'adottare la dizione filologica del latino, è stata nostra intenzione formulare una proposta storicamente accurata e insieme spiritualmente evocativa.
Federico Bardazzi

 

Scarica il file completo, clicca qui

Rinascimento

Barocco

Bach

Mozart Requiem

Arvo Pärt e 900

 

 

 

 

 

Associazione Culturale Firenze   info@ensemblesanfelice.com